16/01/2019
Il primo incontro annuale formativo diocesano dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio

Si è registrata una grande partecipazione al primo incontro diocesano del nuovo anno dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio, svoltosi sabato 12 gennaio nella Parrocchia San Massimiliano Maria Kolbe di Catanzaro. Un momento di preghiera e di formazione che ha visto la presenza di  Mons. Carmelo Pellegrino, Promotore della Fede della Congregazione per le Cause dei Santi della Santa Sede, che ha dettato una catechesi alla luce dell’Esortazione apostolica "Gaudeteet exsultate" di Papa Francesco. La serata è stata introdotta dai saluti delle responsabili diocesane dei Gruppi di Preghiera, Maria Teresa Marchetti e Angela Zaccone, che nel richiamare il carisma di San Pio da Pietrelcina, a tutti hanno richiesto un impegno concreto nella vita diocesana e nelle comunità parrocchiali, secondo anche lo spirito del fondatore che considerava i Gruppi di Preghiera “vivai di fede, focolai d’amore, nei quali Cristo stesso è presente ogni volta che si riuniscono per la preghiera e l’agape fraterna sotto la guida dei loro Pastori e Direttori spirituali”. Un ringraziamento a nome di tutti la Marchetti l’ha rivolto all’Arcivescovo mons. Bertolone, agli assistenti spirituali diocesani,  Padre Carlo Fotino e don Francesco Brancaccio, ed ai parroci presenti. A seguire la celebrazione del vespro, l’adorazione eucaristica, le sante confessioni e la catechesi tenuta da Mons. Pellegrino. Il relatore, commentando l’Esortazione apostolica "Gaudeteet exsultate", ha evidenziato come la santità del popolo di Dio è richiesta come condizione della vita ecclesiale: santità di chi è inviato da Cristo e santità a cui sono chiamati tutti coloro che ricevono l’opera missionaria come i gruppi di preghiera di Padre Pio . Dinanzi a “proposte ingannevoli” che si muovono sulla scia del pelagianesimo e dello gnosticismo, che occultano ed escludono la necessità della grazia di Cristo, rappresentando un ostacolo per la chiamata universale alla santità, Mons. Pellegrino, ha ricordato che “il Signore ci vuole santi e non si aspetta che ci accontentiamo di un'esistenza mediocre, annacquata e inconsistente". Se la santità è il tesoro della Chiesa, per Mons. Pellegrino “tutti siamo invitati a cercare ogni giorno il volto dei santi disseminati tra il popolo di Dio, e a riconoscerli come segno reale e efficace della presenza e della misericordia di Cristo, proprio come fece San Pio da Pietrelcina”. Un pensiero che Mons. Pellegrino ha ripreso anche durante la celebrazione eucaristica, augurando a tutti i presenti di saper trasmettere con gioia uno spirito positivo e di speranza La celebrazione è stata animata dalla corale parrocchiale “Milizia dell’Immacolata” diretta dal maestro Federica Mazza.